Passa ai contenuti principali

Cover Reveal "Un Marine per sempre" di Silvia Carbone e Michela Marrucci

Due lutti a distanza di pochi giorni distruggono la vita di Josephine, giovane e attraente ufficiale dei Marines: la prematura perdita del padre, Colonnello dell'Aeronautica americana, e la morte di Travis, l'amore della sua vita, durante una missione in Afghanistan, la spingono a congedarsi prima del tempo e abbandonare la vita militare. Trascorso un anno da quei giorni bui, però, Joe riagguanta le redini della propria vita. Riprende gli studi, ma il destino le gioca un brutto scherzo: per conseguire il master è costretta a fare ricerche informatiche all'interno della base militare Miramar di San Diego. Qui conoscerà il capitano Callhan Meyer, e tutta la serenità che Joe credeva di aver ritrovato scoppierà come una bolla di sapone. Tenere lontano Cal e la strana e incontrollabile attrazione che li lega si dimostrerà più arduo del previsto. Chi ha tanto sofferto ha paura di tornare ad amare, ma non si può resistere per sempre al richiamo dei sentimenti, né ai desideri del…

Intervista a Silvia Castellano




1. Chi è nella vita di tutti i giorni Silvia? 
Sono una ragazza di ventisei anni che ama la letteratura e ne ha fatta una materia di studio, infatti sto per terminare la laurea specialistica in Letteratura Comparata a Innsbruck (Austria). Nel tempo libero adoro guardare le serie tv, andare al cinema, cantare e naturalmente scrivere.  

2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
Quando ero piccola mi piaceva inventare storie e in seguito ho cominciato a scriverle su alcuni quadernini. In seguito, quando avevo circa dieci anni, io e mio fratello abbiamo deciso di scrivere insieme un romanzo fantasy, ma alla fine abbiamo scritto solo qualche capitolo. Il primo romanzo l’ho scritto in un paio di mesi durante l’estate dei miei quindici anni, ma non l’ho mai pubblicato perché ha bisogno di una bella sistemata, ma in futuro mi piacerebbe dargli una possibilità. 

3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
A causa dei miei numerosi impegni universitari scrivo quando posso, ma ho notato che mi viene particolarmente bene verso sera.

4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
Di solito comincio scrivendo di getto su un quaderno e poi ricopio le scene sul computer. Spesso modifico alcuni passaggi oppure ne aggiungo di nuovi.  Una volta scritto un capitolo, lo rileggo più volte, sistemando qui e lì dove serve.

5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
Moltissimo, soprattutto nelle protagoniste femminili. Tutte hanno qualcosa di Silvia, che sia un difetto o una passione. Mi risulta naturale.


6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
Bella domanda. Hanno entrambe i propri pro e contro. Una casa editrice si occupa di preparare il prodotto per la pubblicazione, promuove (o meglio, ti aiuta a promuovere) il tuo romanzo, insomma, è molto più semplice per l’autore.  D’altra parte, però, questo significa che l’autore non ha la possibilità di scegliere niente (o quasi), deve sottostare alle decisioni dell’editore. Nel self publishing c’è la libertà di avere il controllo su tutto, ma l’autore se la deve cavare da solo. Deve contare solo sulle proprie forze e questo a volte risulta pesante. Mi piace il self publishing e continuerò a pubblicare anche così, ma a volte è bello affidarsi a qualcuno che crede in te e nella tua storia. 

7. Come è il rapporto con i lettori?
Ho una pagina dedicata al mio primo romanzo, “Amethyst”, e devo dire che si è creato un bel gruppo di lettori che mi seguono e sostengono continuamente. Mi piace discutere con loro, chiedere la loro opinione, sentire cos’hanno da dire. È bellissimo.

8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
Indubbiamente. Senza Facebook non saprei in quale altro modo pubblicizzare i miei scritti al di fuori della mia cerchia di conoscenze. Inoltre ti dà la possibilità di interagire direttamente con i lettori o i potenziali acquirenti e di farsi conoscere non solo come autore, ma anche come persona. Sono davvero molto felice che esista questa possibilità. Poi se il successo arrivi o no, questa è un’altra questione. Servono strategie promozionali, i giusti contatti e anche un po’ di fortuna.

9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
Ricevere un commento negativo è sempre brutto. Se si tratta di una critica costruttiva, cerco di farne tesoro per migliorarmi in futuro, ma se non lo è, ammetto di starci male. Tendo a colpevolizzarmi, pensando che avrei potuto fare di più. In fondo, però, so che non dovrei: non a tutti può piacere ciò che scrivo. Ognuno di noi ha gusti diversi e va bene così.

10. Parlaci un po’ del tuo ultimo lavoro.
“Die Party” è un racconto fantasy di circa cinquanta pagine. L’idea è nata circa un anno fa: ero Innsbruck, nei pressi dell’università, e ho visto il cartellone pubblicitario di una festa per over 30 chiamata “Die Party”. Pur sapendo che “die” è un articolo tedesco, ho letto la parola come se fosse inglese. Per un attimo, quindi, ho pensato che stessero pubblicizzando “Il party della morte” (tradotto liberalmente)! In seguito la mia mente ha cominciato a lavorare e ha “partorito” questa trama, ma, fino allo scorso novembre, non avevo ancora trovato il tempo per scriverla. Quando ho letto del concorso per racconti indetto dalla collana Starlight, però, ho deciso di provarci e di mettermi alla prova con una storia un po’ diversa dal solito.

11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?
Ne ho molti, in realtà! Ho una lunga lista di progetto a cui voglio dedicarmi nei prossimi anni. Le prossime pubblicazioni però saranno il seguito di “Amethyst”, il mio paranormal romance, e il seguito di “Die Party”.





Post popolari in questo blog

Intervista a Paola Garbarino

A cura di Liviana Carlucci



1. Chi è nella vita di tutti i giorni Paola ? 
2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
7. Come è il rapporto con i lettori?
8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
10. Parlaci un po del tuo ultimo lavoro.
11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

12. La mia è una domanda alla Marzullo 🤣 riguardando indietro con gli anni fino ad oggi, del tuo percorso di scrittrice fatti una domanda e datti una risposta!



Ciao a tutti, grazie per il tempo che mi dedicate 😊
1)Paola nella vita normale è una mamma e una moglie. Fino a due anni fa ero un insegnante di Lettere, alle scuole medie, poi ho seguito …

5 cose che.... #3/ 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

Felice venerdì 😘 bentrovate al terzo appuntamento di questa rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers, un'originalissima idea che mi ha appassionato tanto e spero anche a voi ❤
Oggi parleremo di

Ci sarebbero tantissimi libri meravigliosi che vorrei diventassero film di autrici self italiane soprattutto, veramente bravissime 😍 oggi vi presento quelli che mi sono rimasti nel cuore!

1 Questi tre romanzi sono della stessa autrice Naike Ror: credetemi è un genio!
Con Royle è stata bravissima a creare suspance, confusione e paura! Mi ha tenuto incollata dalla prima riga fino all'ultima! Leggetelo se potete non ve ne pentirete 😉


2 - 3 Usheen e 366
Usheen e 366 parlano degli agenti dell' IRA dove si trovano in situazioni e ideali che un tempo credevano fossero giuste. Ricorderete tutti suppongo chi a scuola chi con il telegiornale, la DOMENICA DI SANGUE dove ci fu uno scontro mortale nelle strade tra cattolici e protestanti. Purtroppo ancora oggi il clima che si respira è tesis…

5 cose che...#1: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Buongiorno Maddyne 🤗 finalmente il weekend! Oggi voglio presentarvi una nuova rubrica che ho trovato molto interessante e nello stesso tempo molto simpatica 😊 5 cose che.... ideata dal blog TwinsBooksLovers dove troverete il post di presentazione!
Oggi vi parlo dei

Questi 5 classici che vi presento li ho visti nella trasportazione cinematografica ma ahimè non li ho ancora letti 😱 spero di recuperare la lettura quanto prima anche perché li ho tutti e 5 nella mia libreria😉!

Cime Tempestose di Emily Brontë

Intriso di passioni turbinose come il vento del nord che spazza la brughiera e sibila intorno all'antica casa della famiglia Earnshaw, questa monumentale icona del romanzo europeo restituisce con insuperabile forza drammatica la tragedia di un'umanità sconfitta dalle proprie spietate costrinzioni.

Sogno di una notte di mezz'estate William Shakespeare

Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di …