Passa ai contenuti principali

Recensione "L'uomo di neve" di Jo Nesbø


A cura di Liviana Carlucci 



Editore: Piemme
Formato : e-book e cartaceo
Data di uscita: 24 febbraio 2012
Pagine: 529
Genere: Crime, Thriller


Con la prima neve lui ucciderà ancora.
Una notte, dopo la prima neve dell'anno, il piccolo Jonas si sveglia e scopre che sua madre è sparita. La sciarpa rosa che lui le aveva regalato per Natale è avvolta al collo del pupazzo di neve che, inspiegabilmente, quel giorno è apparso nel loro giardino. Ma quando anche una seconda donna scompare nei dintorni di Oslo, i peggiori presentimenti dell'ispettore Harry Hole sembrano prendere davvero corpo. È evidente che si trova a fronteggiare un serial killer per la prima volta in Norvegia.


Buongiorno Maddyne 🤗 oggi mi trovo a parlarvi per la prima volta di un romanzo thriller straniero : " L'uomo di neve" di Jo Nesbø.

Come alcune di voi hanno già capito è stato girato recentemente il film dell'omonimo  romanzo che non ho voluto vederlo di proposito avendo l'ebook nel mio Kindle già da un po; ma ahimè sono molto curiosa e così ho fatto che guardare il trailer e purtroppo per me  avevo in testa il volto di alcuni personaggi abbinati agli attori.

La magia di un libro è proprio questo creare nella tua testa la fisionomia di un personaggio descritto come  i luoghi oppure la posizione delle stanze o ad esempio  alcuni oggetti, per cui vi do un consiglio: se avete intenzione di leggere un libro e sapendo che è uscirá al cinema non guardatevi il trailer 😂 semplice no?! Ecco io ho fatto esattamente il contrario  😅 comunque è stato ugualmente piacevole leggerlo nonostante la tachicardia e il panico che un libro di questo genere comporta.

Il detective di Oslo Harry Hole, uomo dedito al lavoro, stacanovista direi, conduce una vita monotona e abusa con l' alcool; si sta occupando della scomparsa improvvisa di una giovane donna, moglie e madre di famiglia quando arriva una segnalazione del ritrovamento di un pupazzo di neve con la testa di una donna.

Dopo altri ritrovamenti di cadaveri senza testa e pupazzi di neve, Hole e la sua squadra, capiscono già  dalle prime indagini che hanno di fronte un serial killer.
Il suo metodo operandi è lo stesso. Pupazzo di neve con la testa di donna e da qui appunto il nomignolo L'uomo di neve.
Ma cos'hanno in comune queste donne?
Sono madri di famiglia con una vita perfetta..oppure la loro é soltanto apparenza? 
Chi e quando colpirà l'uomo di neve?

Continuando a indagare Hole scopre che due delle vittime si sono recate entrambe con i loro figli pur non conoscendosi , da un noto chirurgo plastico.
Ma cos'ha a che fare il dottore con i loro bambini?
E soprattutto perché le donne si sono rivolte a lui?

"Avere paura di quello che non si conosce è una reazione naturale, e chi non ce l'ha non vive a lungo"

La caccia all'assassino è aperta. Tutti sono sospettati ma non ci sono prove sufficienti per nessuno di loro. Manca sempre un tassello. 
Intanto Hole oltre a cercare di trovare il colpevole, la sua vita privata è ingarbugliata e irrequieta. 
Nonostante si sia lasciato da tempo  con la donna della sua vita, continua a vederla di nascosto pur avendo lei un nuovo compagno.

"Cercò di capire se poteva essere felice per lei, felice che la donna che aveva amato  più di ogni cosa stesse bene con un altro uomo"

Ma le indagini proseguono, i dubbi e le perplessità si fanno sempre più pressanti e l'adrenalina è alle stelle.
E quando finalmente sono convinti di aver catturato L'uomo di neve la certezza di aver commesso un errore è un tarlo continuo nella testa di Hole.

Così ecco che salta fuori l'indizio tanto cercato che da sempre è  sotto agli occhi di Harry.
L'uomo di neve però ha un piano ben preciso come ogni fanatico vuole concludere alla grande e questa volta ucciderà nel modo più teatrale e crudele possibile. 
Almeno è quello che crede l'assassino...

"Onorevole è il suicidio nel momento in cui la malattia rende la morte preferibile alla vita"


Un thriller mozzafiato che mi ha tenuto incollato al libro pagina dopo pagina, capitoli corti e dialoghi semplici e molto diretti per niente volgari. Ho apprezzato il fatto che Nesbø  non ha descritto le scene di sesso in modo esplicito, d'altronde non è un erotico!

Scoprire poi il vero Uomo di neve è stato geniale e insospettabile su questo l'autore è stato molto bravo! 



P.S.
Sono molto curiosa di vedere il film  e voi cosa preferite? Leggerete il libro o passerete direttamente al film?😉😁


Con questa recensione ho partecipato alla Challenge 













Post popolari in questo blog

Intervista a Paola Garbarino

A cura di Liviana Carlucci



1. Chi è nella vita di tutti i giorni Paola ? 
2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
7. Come è il rapporto con i lettori?
8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
10. Parlaci un po del tuo ultimo lavoro.
11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

12. La mia è una domanda alla Marzullo 🤣 riguardando indietro con gli anni fino ad oggi, del tuo percorso di scrittrice fatti una domanda e datti una risposta!



Ciao a tutti, grazie per il tempo che mi dedicate 😊
1)Paola nella vita normale è una mamma e una moglie. Fino a due anni fa ero un insegnante di Lettere, alle scuole medie, poi ho seguito …

5 cose che.... #3/ 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

Felice venerdì 😘 bentrovate al terzo appuntamento di questa rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers, un'originalissima idea che mi ha appassionato tanto e spero anche a voi ❤
Oggi parleremo di

Ci sarebbero tantissimi libri meravigliosi che vorrei diventassero film di autrici self italiane soprattutto, veramente bravissime 😍 oggi vi presento quelli che mi sono rimasti nel cuore!

1 Questi tre romanzi sono della stessa autrice Naike Ror: credetemi è un genio!
Con Royle è stata bravissima a creare suspance, confusione e paura! Mi ha tenuto incollata dalla prima riga fino all'ultima! Leggetelo se potete non ve ne pentirete 😉


2 - 3 Usheen e 366
Usheen e 366 parlano degli agenti dell' IRA dove si trovano in situazioni e ideali che un tempo credevano fossero giuste. Ricorderete tutti suppongo chi a scuola chi con il telegiornale, la DOMENICA DI SANGUE dove ci fu uno scontro mortale nelle strade tra cattolici e protestanti. Purtroppo ancora oggi il clima che si respira è tesis…

5 cose che...#1: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Buongiorno Maddyne 🤗 finalmente il weekend! Oggi voglio presentarvi una nuova rubrica che ho trovato molto interessante e nello stesso tempo molto simpatica 😊 5 cose che.... ideata dal blog TwinsBooksLovers dove troverete il post di presentazione!
Oggi vi parlo dei

Questi 5 classici che vi presento li ho visti nella trasportazione cinematografica ma ahimè non li ho ancora letti 😱 spero di recuperare la lettura quanto prima anche perché li ho tutti e 5 nella mia libreria😉!

Cime Tempestose di Emily Brontë

Intriso di passioni turbinose come il vento del nord che spazza la brughiera e sibila intorno all'antica casa della famiglia Earnshaw, questa monumentale icona del romanzo europeo restituisce con insuperabile forza drammatica la tragedia di un'umanità sconfitta dalle proprie spietate costrinzioni.

Sogno di una notte di mezz'estate William Shakespeare

Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di …