Passa ai contenuti principali

Presentazione "La fine del tempo, la fine del mondo" di Alessandra Leonardi


NOTA DELL'AUTRICE
Il racconto “La fine del Tempo, la fine del Mondo” ha avuto una genesi molto particolare.
Tutto ha avuto inizio due anni fa, quando si è manifestata nella mia testa matta l’immagine di un’anziana donna che cammina tra le rovine in un mondo desolato, in un’eterna alba. 
Ho subito buttato giù questa idea, scrivendo sul mio quadernino quello che poi è diventato l’incipit del racconto. Mi chiedevo, anzi mi rivolgevo direttamente alla donna, domandandole: “Chi sei? Da dove vieni? Qual è la tua missione?” In quel periodo ero molto occupata col lavoro, e non riuscivo a concentrarmi sulla sua storia, o meglio, non riuscivo ad ascoltare le risposte di quel personaggio.
Nel frattempo sono passati un paio di anni, ho avuto molte altre idee e scritto altre storie mettendo da parte questa; finalmente una notte la vecchietta si è ripresentata nella mia mente, consentendomi di portare a termine la sua storia.
Scrivere fantasy è affascinante ma non semplice, perché è facile cadere nei cliché, che sono però al contempo la linfa di questo genere!
Ho optato per un low fantasy in cui non sono presenti orchi, elfi e draghi; la magia è rappresentata dalla manipolazione di questa energia, il Ki, che ritroviamo anche nel mondo reale nelle discipline orientali, nonché da altre forze naturali che non specifico per non rovinare la sorpresa. Delle tipicità del genere fantasy ho mantenuto l’ambientazione medievaleggiante e la caratteristica del romanzo di formazione: Aleysha, la protagonista, è una “prescelta” con un grande potere, ma essendo rimasta chiusa in un Santuario per anni, non sa nulla del mondo; è ingenua e piena di dubbi perché le sono mancati gli affetti fondamentali e diventerà pienamente consapevole di sé e del suo ruolo solo nel finale.
Ho evitato il manicheismo presente in molti fantasy: qui chi dovrebbe essere “buono” ha molti scheletri nell’armadio, e chi dovrebbe essere “cattivo” non lo è poi così tanto, avendo le sue buone ragioni.
La relazione amorosa che ho inserito non è accessoria, anzi è fondamentale per lo sviluppo della storia. Nei miei racconti precedenti non ho mai dato molta importanza alle storie d’amore, anzi a dire il vero non sono quasi mai presenti, perché preferisco in genere dare più importanza ad altri aspetti; stavolta invece ho voluto dare risalto anche alla relazione sentimentale.
Il tema principale che ho voluto affrontare nel racconto è quello della libertà di scelta, tema che ricorre anche in altri miei racconti, ma qui è affrontato in maniera diversa. La domanda di fondo è: “Quanto tutti noi siamo davvero liberi nell’effettuare le nostre scelte?” Aleysha non è mai stata libera di fare nulla, perché, a causa del suo potere ha sempre vissuto nel Santuario, come dicevo sopra, costretta a severe regole. Come diceva Spider-Man, “da un grande potere derivano grandi responsabilità” e i generi “prescelti” soccombono ai loro doveri; Aleysha cosa deciderà? Seguirà la sua sorte o si ribellerà? Non lo dico per non spoilerare, ma sottolineo che lei non ha le basi per costruirsi una forte identità e non ha capacità di discernimento; fino alla fine l’indecisione della ragazza sarà sempre presente.
Circa la forma, quella del racconto, io tendo a essere molto sintetica; so che i cultori del genere fantasy in genere amano i tomi da mille e mille pagine o le saghe interminabili, ma oggi come oggi c’è anche chi desidera leggere qualcosa di veloce e autoconclusivo. Io tendo a essere molto sintetica, quindi il racconto è il tipo di narrazione in cui credo di riuscire meglio. Almeno finora!
Mi aspetto e spero di riuscire con questa storia a coinvolgere il lettore, a trascinarlo nel mondo che ho immaginato, offrire un po’ di svago e perché no, anche di riflessione sui temi trattati.







  • Data di pubblicazione: 21 dic 2017
  • Editore: PubMe
  • Lingua: Italiano
  • Pagine: 38
  • Link Amazon




“Tutti sapevano che in quel periodo i Sapienti del Santuario del Ki giravano per i villaggi alla ricerca di bambini “speciali”, ma Taitun era distante dalle loro solite rotte.
Invece quel giorno arrivarono.”

Inizia così la nuova vita di Aleysha, prelevata da casa ad appena dieci anni e costretta a vivere nel Santuario insieme ad altri bambini come lei.
Aleysha ha un dono speciale e, proprio per l’energia che possiede e le abilità che apprende durante l’addestramento, si trova suo malgrado coinvolta in un progetto molto ambizioso: salvare il Mondo dalla distruzione.
Eppure, quello che desidera davvero la ragazza è di essere libera. Libera di tornare dalla mamma, di innamorarsi e seguire la strada che più preferisce. Libera di fare la sua scelta al di là di ogni obbligo. E l’incontro con Krynon la getta ancora di più nella confusione. Chi è quel ragazzo misterioso che l’aspetta nel bosco ogni giorno sempre alla stessa ora? Cosa le nasconde?
Combattuta tra scelte difficili e segreti da scoprire, Aleysha deve decidere se seguire il suo cuore o portare avanti il compito che le spetta. Il passo per liberarsi dalle catene è breve, ma ogni scelta ha le sue conseguenze… a volte imprevedibili.

Un racconto fantasy che ci trascina nel mondo di una ragazza un po’ speciale, che chiede solo di essere libera.

LEGGI UN ESTRATTO 

Erano in quattro, due uomini e due donne; il più anziano di loro percepì subito la mia presenza, lasciò perdere le altre case e si diresse verso di noi. Vedendomi giocare nel giardino, disse che non aveva mai percepito tanto ki in una bambina della mia età; aggiunse che sarei dovuta andare via con loro. Io non volevo, ma i due Sapienti più giovani entrarono e mi acchiapparono, senza ascoltare i miei strilli. Stavo per essere strappata per sempre al mio piccolo mondo di bambina. Il terrore s’impadronì di me, mi sembrava di soffocare mentre vedevo mia madre che usciva di casa, disperata, trattenuta a stento da un paio di vicini. Tutti sapevano che non era concesso interferire coi Sapienti: non c’era più nulla da fare. Quell’immagine velata dalle lacrime, di mia madre che gridava e piangeva nel nostro giardino fiorito, mi rimase impressa per sempre.
Neppure ricordo il momento preciso del mio arrivo al Santuario, né le ore successive: ero troppo terrorizzata, non riuscivo a ragionare.
Solo in seguito presi atto che mi trovavo in un luogo adagiato tra i monti, in un’ampia spianata ricoperta di neve.
Quella prima notte al Santuario, non chiusi occhio.



Alessandra Leonardi, romana, classe ’69, ha effettuato studi classici. È appassionata di lettura, cinema e serie tv; ha anche molti altri interessi, come i viaggi, l’archeologia, la fotografia e il calcio. Ha una discreta raccolta di fumetti e colleziona modellini di personaggi dei cartoni giapponesi.
Collabora con un sito internet di news cinematografiche e televisive, www.showlandia.altervista.org, con la rivista online Polis SA Magazine, e ha un blog, https://infinitiuniversifantastici.blogspot.it/.
Ha pubblicato diversi racconti, tra cui: “Cupole”, fantascientifico per la GDS Edizioni, “I Cosiddetti fantasmi”, un urban fantasy inserito nell’antologia “I mondi del fantasy VI” di Limana Umanita; ha scritto inoltre “De Urbe Aeterna” e “Angeli” per le antologie di Ensemble editore, alcuni racconti horror per le antologie di Letteraturahorror.it., i racconti “Nebbia” e “Roma Nord” per le antologie di Historica edizioni, il racconto fantasy “Alberi” in self-publishing. Scrive anche poesie, alcune presenti nella silloge “La pelle non dimentica vol 1” di Le Mezzelane editore.
Si è classificata terza al Concorso internazionale Napoli Cultural Classic del 2016 nella sezione “nanoracconti” con “Effetto domino”, contenuto nell’antologia “Tutte le storie del mondo”, Homo scrivens editore.




Post popolari in questo blog

Intervista a Paola Garbarino

A cura di Liviana Carlucci



1. Chi è nella vita di tutti i giorni Paola ? 
2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
7. Come è il rapporto con i lettori?
8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
10. Parlaci un po del tuo ultimo lavoro.
11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

12. La mia è una domanda alla Marzullo 🤣 riguardando indietro con gli anni fino ad oggi, del tuo percorso di scrittrice fatti una domanda e datti una risposta!



Ciao a tutti, grazie per il tempo che mi dedicate 😊
1)Paola nella vita normale è una mamma e una moglie. Fino a due anni fa ero un insegnante di Lettere, alle scuole medie, poi ho seguito …

5 cose che.... #3/ 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

Felice venerdì 😘 bentrovate al terzo appuntamento di questa rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers, un'originalissima idea che mi ha appassionato tanto e spero anche a voi ❤
Oggi parleremo di

Ci sarebbero tantissimi libri meravigliosi che vorrei diventassero film di autrici self italiane soprattutto, veramente bravissime 😍 oggi vi presento quelli che mi sono rimasti nel cuore!

1 Questi tre romanzi sono della stessa autrice Naike Ror: credetemi è un genio!
Con Royle è stata bravissima a creare suspance, confusione e paura! Mi ha tenuto incollata dalla prima riga fino all'ultima! Leggetelo se potete non ve ne pentirete 😉


2 - 3 Usheen e 366
Usheen e 366 parlano degli agenti dell' IRA dove si trovano in situazioni e ideali che un tempo credevano fossero giuste. Ricorderete tutti suppongo chi a scuola chi con il telegiornale, la DOMENICA DI SANGUE dove ci fu uno scontro mortale nelle strade tra cattolici e protestanti. Purtroppo ancora oggi il clima che si respira è tesis…

5 cose che...#1: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Buongiorno Maddyne 🤗 finalmente il weekend! Oggi voglio presentarvi una nuova rubrica che ho trovato molto interessante e nello stesso tempo molto simpatica 😊 5 cose che.... ideata dal blog TwinsBooksLovers dove troverete il post di presentazione!
Oggi vi parlo dei

Questi 5 classici che vi presento li ho visti nella trasportazione cinematografica ma ahimè non li ho ancora letti 😱 spero di recuperare la lettura quanto prima anche perché li ho tutti e 5 nella mia libreria😉!

Cime Tempestose di Emily Brontë

Intriso di passioni turbinose come il vento del nord che spazza la brughiera e sibila intorno all'antica casa della famiglia Earnshaw, questa monumentale icona del romanzo europeo restituisce con insuperabile forza drammatica la tragedia di un'umanità sconfitta dalle proprie spietate costrinzioni.

Sogno di una notte di mezz'estate William Shakespeare

Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di …