Passa ai contenuti principali

         "Giusto per chi?"

                                     Alessia di Maria


                                                 

  

    Formato: Formato Kindle 
    Lunghezza stampa: 298 
    Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. 
    Lingua: Italiano 
    Genere: Romance 
    Link acquisto:Giusto per chi?
    Prezzo e-book: 0.99




    Alessia Di Maria nata nel 1992 a Palermo. Studia Architettura presso la Scuola politecnica dell’Università degli Studi di Palermo. È Coredattrice del magazine online Tratto Rosa e membro attivo dell’associazione culturale bagherese Parru Cu’ Tia. Ha pubblicato due romanzi di formazione: “E se…” e “Giusto per chi?” ed è la Caporedattrice del magazine Parru Cu’ Tia Magazine, legato all’omonima associazione.
    Ha partecipato come attrice a quattro spettacoli teatrali.







    Atena vive una lotta instancabile contro il mondo che la giudica e tenta di
    cambiarla. In fuga da un rapporto mendace e complesso con una madre che
    l'ha costretta sin dalla tenera età alle sue posizioni e alle sue scelte, si
    trasferisce a Concaura con Greta, la sua compagna di vita a quattro zampe. In
    questa nuova città investita da un vento incessante, si troverà costretta in
    rapporti umani che incrineranno la sua visione del mondo. Tra le persone che
    irromperanno nella sua vita, due uomini, Orlando e Claudio, si faranno
    manifesto della lotta interiore che si anima nel cuore di Atena. Una corazza
    come difesa che però, su di lei, pesa come un macigno.
    "Si arrogavano tutti il diritto di stabilire cosa fosse vero, falso, giusto o
    sbagliato. Ma non facevo forse anch'io la stessa cosa?" 




    Sono una blogger esigentissima. Questo mi porta spesso, a rifiutare le recensioni a libri che considero non all’altezza di determinati standard qualitativi. Nulla di straordinario. Seguo i canoni classici dove struttura,coerenza del genere con la trama, leggerezza dello stile, attendibilità e significato identificano la bellezza secondo l’idea di un equilibrio armonico.
    E spesso qualcosa manca. Specie nei rosa che sono considerati livelli leggeri nonostante parlino di emozioni importanti e delicate, di concetti che sono stati osannati da ogni grande filosofo e che Sant’Agostino considerava parte di verità universali che travalicano i tempi. Assurdo pensare come per noi, amore,bellezza, magia, dolore e armonia siano semplicemente faccende da gossip.






    Ecco che, nel marasma di lavori più o meno accettabili, destreggiandosi tra veri orrori prodotti dalla mente umana ( purtroppo le donne scrittrici sono in maggior parte traditrici delle conquiste femministe) emergono piccoli ma indispensabili gioielli. Come quello scritto da Alessia di Maria eio non faccio sconti. Seppur con correttezza e buon gusto, le mie critiche vengono donate laddove possano trovare una loro utilità nell’indicare, non la giusta via ( non ho pretese messianiche) ma una via aggraziata e quantomeno responsabile. Ecco Alessia,  a te non posso donare nessuna critica. Il tuo lavoro va esaltato e portato come esempio a tutte coloro che pensano, erroneamente, che per scrivere un buon romanzo e un romanzo vendibile, debba essere ignorato non solo il buon gusto, ma la profondità del significato e la realtà dei personaggi. Non cadere in questo errore, continua a scavare nell’animo portando alla luce bellezza e orrore perché a volte, e tu lo hai dimostrato con il racconto di Atena, è una porta da cui si può accedere a uno splendido giardino incantato. Atena è il simbolo dell’anaffettività creata dall’ambiente malsano. Un caso classico, uno psicologo direbbe "da manuale", in cui c’è un impossibilità oggettiva di instaurare veri rapporti umani. Quello che noi apprendiamo dalla famiglia nell’infanzia è di importanza cruciale per un sano sviluppo sociale e soprattutto umano.  Se mancano le basi di una corretta affettività si rischia di diventare autistici all’amore. E questo non comporta soltanto la solitudine ma una sorta di baratro che diversifica noi dall’altro. 





    La persona anaffettiva è più fragile di chi apre se stessa al mondo e al contatto umano, perché semplicemente si preclude la possibilità di vedersi allo specchio, riflessa nell’altro. L’altro, ci definisce in virtù della diversità . Per essere noi stessi dobbiamo essere altro e possiamo essere altro solo se possiamo avere termini di confronto E la Di Maria lo spiega perfettamente con penna agguerrita tratteggiando ogni psicosi e ogni ossessione di chi è ingabbiato da muri invisibili ma potenti. Atena lo sa. Atena è consapevole di essere “distorta” e si difende rivendicando la sua distorsione come un grido di libertà dai conformismi che le hanno legato l’anima in passato. Atena ha voglia di vivere e di essere libera e questa voglia la dimostra perché ha scelto un mestiere che necessita di quel contatto umano a cui non è abituata e che teme perché sconosciuto. Non ha fatto questa scelta per protesta, cosi come si racconta, ma per salvare quel pezzo di umanità dentro di sè. L’amore, in senso largo e non solo relativo verso un uomo, è qualcosa che dà calore, che dona emozioni e bellezza e noi, lo ripeto, abbiamo uno struggente bisogno di bellezza. La malattia mentale, perché quella di Atena è una malattia, è guaribile soltanto da quella scintilla di volontà di cui forse non siamo consapevoli ma che Atena tiene viva abbracciando un cane, gustandosi la corsa, la fatica e immergendosi nel dolore, che ci sporca ma ci consente di non inaridirci. Senza quegli input Atena non potrebbe mai incontrare il suo salvatore, non amerebbe la stupenda bastardina Greta, non lavorerebbe con il dolore. Esisterebbe rinchiusa in un folle paese delle meraviglie ghignante fino a languire. 



    Quello che ho letto è un racconto perfetto ma non romantico di una realtà che ci è vicina e che temiamo. Non è edulcorato, non è dai toni sommessi né eccessivamente dipinto di rosa. E’ vita, una vita che in Atena lotta per non morire ma che sa, che conosce la possibilità dell’altra strada quella che porta al rifiuto del camminare, che si rinchiude in se stessa e si dissolve nell’oblio come racconta splendidamente con queste parole:
    “Non mi salverete mai. Io ci proverò ancora e ancora e
    ancora. . Potete leggere tutti i libri che volete ma non potrete mai
    capire cosa c'è qui dentro. Indicava le sue tempie e bussava su di
    esse con forza che se avesse potuto avrebbe scavato con le sue
    mani ed estirpato tutto. In quei momenti, quando tutto sembra
    complicarsi e spariscono le soluzioni, quando si amplifica tutto quel
    che di sbagliato c'è in me e nella mia vita, in quei brevi momenti io
    DESIDERO morire. Gran bel mestiere il vostro. . distruggere i sogni
    di noi poveri pazzi”

    Non mi soffermerò sullo stile ( per quanto sia semplice e complesso dal linguaggio forte ma aggraziato) perché per me Alessia va osannata per il coraggio di creare un romanzo diverso, intenso e che alla chiusura ti lascia dentro un’emozione, una sensazione che cambia per sempre la tua anima. In questo caso Alessia non ci interessano i refusi, né la sintassi (ineccepibile) ci interessa quanto c’è di raro nelle tue pagine. Tanto. C’è un universo intero. C’è finalmente e lo dico con forza una profondità che non in tutti i libri di emergenti ho letto,. Troppo prese da se stesse per poterci donare un po’ di se. Tu invece, concentrata sul lettore riesci a parlarci, a sedurlo e affascinarlo. Per me vai premiata a pieni voti. Brava. 


    Alessandra De Micheli



    Post popolari in questo blog

    Intervista a Paola Garbarino

    A cura di Liviana Carlucci



    1. Chi è nella vita di tutti i giorni Paola ? 
    2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
    3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
    4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
    5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
    6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
    7. Come è il rapporto con i lettori?
    8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
    9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
    10. Parlaci un po del tuo ultimo lavoro.
    11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

    12. La mia è una domanda alla Marzullo 🤣 riguardando indietro con gli anni fino ad oggi, del tuo percorso di scrittrice fatti una domanda e datti una risposta!



    Ciao a tutti, grazie per il tempo che mi dedicate 😊
    1)Paola nella vita normale è una mamma e una moglie. Fino a due anni fa ero un insegnante di Lettere, alle scuole medie, poi ho seguito …

    5 cose che.... #3/ 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

    Felice venerdì 😘 bentrovate al terzo appuntamento di questa rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers, un'originalissima idea che mi ha appassionato tanto e spero anche a voi ❤
    Oggi parleremo di

    Ci sarebbero tantissimi libri meravigliosi che vorrei diventassero film di autrici self italiane soprattutto, veramente bravissime 😍 oggi vi presento quelli che mi sono rimasti nel cuore!

    1 Questi tre romanzi sono della stessa autrice Naike Ror: credetemi è un genio!
    Con Royle è stata bravissima a creare suspance, confusione e paura! Mi ha tenuto incollata dalla prima riga fino all'ultima! Leggetelo se potete non ve ne pentirete 😉


    2 - 3 Usheen e 366
    Usheen e 366 parlano degli agenti dell' IRA dove si trovano in situazioni e ideali che un tempo credevano fossero giuste. Ricorderete tutti suppongo chi a scuola chi con il telegiornale, la DOMENICA DI SANGUE dove ci fu uno scontro mortale nelle strade tra cattolici e protestanti. Purtroppo ancora oggi il clima che si respira è tesis…

    5 cose che...#1: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

    Buongiorno Maddyne 🤗 finalmente il weekend! Oggi voglio presentarvi una nuova rubrica che ho trovato molto interessante e nello stesso tempo molto simpatica 😊 5 cose che.... ideata dal blog TwinsBooksLovers dove troverete il post di presentazione!
    Oggi vi parlo dei

    Questi 5 classici che vi presento li ho visti nella trasportazione cinematografica ma ahimè non li ho ancora letti 😱 spero di recuperare la lettura quanto prima anche perché li ho tutti e 5 nella mia libreria😉!

    Cime Tempestose di Emily Brontë

    Intriso di passioni turbinose come il vento del nord che spazza la brughiera e sibila intorno all'antica casa della famiglia Earnshaw, questa monumentale icona del romanzo europeo restituisce con insuperabile forza drammatica la tragedia di un'umanità sconfitta dalle proprie spietate costrinzioni.

    Sogno di una notte di mezz'estate William Shakespeare

    Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di …