Passa ai contenuti principali

Cover Reveal "Un Marine per sempre" di Silvia Carbone e Michela Marrucci

Due lutti a distanza di pochi giorni distruggono la vita di Josephine, giovane e attraente ufficiale dei Marines: la prematura perdita del padre, Colonnello dell'Aeronautica americana, e la morte di Travis, l'amore della sua vita, durante una missione in Afghanistan, la spingono a congedarsi prima del tempo e abbandonare la vita militare. Trascorso un anno da quei giorni bui, però, Joe riagguanta le redini della propria vita. Riprende gli studi, ma il destino le gioca un brutto scherzo: per conseguire il master è costretta a fare ricerche informatiche all'interno della base militare Miramar di San Diego. Qui conoscerà il capitano Callhan Meyer, e tutta la serenità che Joe credeva di aver ritrovato scoppierà come una bolla di sapone. Tenere lontano Cal e la strana e incontrollabile attrazione che li lega si dimostrerà più arduo del previsto. Chi ha tanto sofferto ha paura di tornare ad amare, ma non si può resistere per sempre al richiamo dei sentimenti, né ai desideri del…






Intervista a Valerio Sericano
Intervista a Valerio Sericano





Domanda: Chi è nella vita di tutti i giorni Valerio ?
Valerio : Salve e grazie per l'opportunità concessami. Sono una persona come tante altre, svolgo il lavoro di funzionario in un'azienda di servizi e ho una laurea in storia. Scrivo per hobby, senza molte pretese se non quelle di condividere le mie emozioni con chi decide di leggere i miei romanzi

D: Come è nato il tuo amore per la scrittura?

Valerio : Scrivo da sempre per varie ragioni: passione per i racconti, piccoli diari di vaggio, ricerche a sfondo storico, sensazioni varie raccolte su quaderni. Soltanto due anni fa ho provato a mettere per iscritto un lavoro più lungo, rendendomi conto che non mi veniva difficile articolare una storia e dar vita a dei personaggi. Così è nato “Il bosco di Nereiu”, il mio primo romanzo, scritto quasi per scherzo. L'esperienza mi è piaciuta così tanto che ne ho scritto subito altri due: “Ami dagli occhi color del mare” e “Norsemen”, piuttosto diversi fra loro per temi trattati e impostazione. Non amo seguire un filone particolare, perché scrivendo per passione mi sento libero di dedicarmi agli argomenti che più mi ispirano sul momento

D: Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?

Valerio : Di solito scrivo alla sera o durante la quiete della notte, quando meglio riesco a isolarmi e a percepire più forte l'atmosfera che creo nei miei lavori

D:  Sei uno scrittore  di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?

Valerio : Senza dubbio la seconda che hai detto. Le mie trame sono sempre così complesse che ne devo articolare la struttura a priori, completando una scaletta degli eventi e dei capitoli. Talvolta i personaggi mi suggerscono dei cambiamenti a stesura in corso, magari pure il finale come mi è già successo, però devo avere ben chiara la storia in testa prima di iniziare a scrivere, altrimenti non vado da nessuna parte

D: Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?

Valerio : Come ogni autore neofita, non vengo meno alla regola autoreferenziale. Nei personaggi dei miei primi romanzi ho messo molto di me stesso e delle mie esperienze di vita. A cominciare dal terzo sono riuscito invece a staccarmi di più, imparando anche a descrivere caratteri e personalità distanti dalla mia sfera individuale. Mi piace molto dedicarmi ai personaggi femminili, che a detta di molte delle mie lettrici pare mi escano anche piuttosto bene. Trovo sia la sfida più bella per uno scrittore quella di interpretare la vita di persone molto distanti da sé per età, sesso, epoca, condizione sociale e quant'altro. Per la stessa ragione amo le ambientazioni storiche, presenti in varia misura in tutti i miei lavori. Al pari dell'amore, perché, pur non essendo un autore romance, non riesco mai a escludere il tema della passione e dei sentimenti da ciò che scrivo

D: Cosa pensi dell'editoria italiana e del self publishing?

Valerio : Ho avuto esperienze non molto positive con piccole CE nelle mie prime battute, per cui mi sono orientato al self publishing, dove sono padrone in tutto e per tutto delle mie disgrazie.
Molti contestano agli editori di orientarsi per lo più verso romanzi “usa e getta” che non tentare qualche esperimento diverso dai soliti cliché triti e ritriti. In effetti, credo sia questa la realtà di oggi, ma capisco la difficoltà di recitare il ruolo di talent scout in un panorama in cui ci sono quasi più scrittori che non lettori. Inoltre non dimentico che gli editori sono imprenditori come tutti gli altri e mirano al proprio tornaconto, per cui trovo normale che cerchino di guadagnare il più possibile dal proprio lavoro. E poi, se il mercato dei lettori chiede un certo tipo di romanzo, è giusto che gli editori seguano la corrente e glielo offrano...

D: Come è il rapporto con i tuoi lettori?

Valerio: Molto buono e speciale, perché mi capita spesso di ricevere, oltre agli elogi, che fanno piacere a tutti, anche osservazioni costruttive. L'episodio che mi ha colpito di più è stato un messaggio, ricevuto da un'amica lettrice mentre stava finendo di leggere un mio romanzo, la quale mi ha scritto di getto che stava piangendo mentre camminava per casa con il kindle in mano. Non che mi piaccia far piangere le persone, ma quando si riesce a coinvolgerle in tutto nelle proprie emozioni, ecco sì, quello per me è il vero successo, quello che mi ripaga di tutte le copie che non venderò mai...

D: Pensi che i social media favoriscano il successo di un romanzo?

Valerio : Di certo, sì, perché stiamo parlando per lo più di editoria digitale, dunque i due temi sono interconnessi. Purtroppo per me, il fatto di non essere un grande esperto in tema di promozione e marketing, associato alla tipologia deii miei lavori, piuttosto lontani dai temi e dalle mode del momento, mi tagliano un po' fuori dal discorso commerciale vero e proprio. Per questo motivo, nel mio caso specifico, penso sia più proficuo puntare sull'aspetto personale, offrendomi sui social per ciò che sono in realtà, interloquendo e intervenendo allo scopo di diventare, sia pur nel mio piccolo, un personaggio pubblico.
Trovo sia inutile e alienante passare le giornate ripetendo il solito messaggio “Comprate il mio libro, è una storia bella, originale e interessante!”, perché lo spot finisce per perdersi in mezzo a un milione di altri messagi uguali e lo sforzo non vale il tornaconto. Per questo motivo credo sia più proficuo puntare sull'immagine. E poi, non dimentichiamo che nel mondo di oggi ti comprano più per ciò che rappresenti che non per quello che scrivi

D: cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?

Valerio: Se sono circostanziate e motivate, ben vengano. Essendo un neofita sono consapevole di offrire lavori imperfetti che io stesso non finisco mai di correggere a ogni rilettura, quindi se  i difetti me li fanno notare gli altri mi fanno prima di tutto un favore. Non sopporto invece gli attacchi gratuiti e le recensioni cattive e immotivate, ma per mia fortuna non mi è ancora capitato di riceverne

D: parlaci un po' del tuo ultimo romanzo

Valerio: L'ultimo che ho pubblicato si inititola “Norsemen”, un fantasy ambientato nel mondo contemporaneo. L'ho scritto dopo aver compiuto una piccola ricerca sulla mitologia norrena, che poi mi sono divertito a interpretare in maniera un po' personale nell'elaborazione della trama. I protagonisti sono persone che vivono come noi, ma sono speciali, perché rinascono dopo la morte, reincarnandosi in se stessi e vivendo pertanto una condizione di immortalità. Si tratta di un modo particolare di presentare le divinità nordiche, benché nel mio romanzo Odino e soci non si sentano affatto degli dei, vivendo quella loro particolare condizione in modo routinario, quasi come fosse un peso e desiderando, in taluni casi, il sopraggiungere della cosiddetta morte eterna. Ho cercato di presentarli con un taglio molto umano e psicologico anziché virile ed eroico come siamo abituati a vederli nelle varie rappresentazioni cinematrografiche o fumettistiche. Questo taglio psicologico lo si nota in particolare in Adam, il protagonista, fratello di Odino ma da sempre incline a fare di testa propria, vivendo le proprie vite fuori dal contesto della famiglia degli dei, costretto suo malgrado da una maligna e beffarda entità superiore a diventare una sorta di serial killer, cacciatore di particolari creature femminili dedite a cibarsi del dolore umano.
La storia inizia nel momento in cui Adam si rifiuta di uccidere la vittima designata di turno, decidendo invece di proteggerla. Diventa in tal modo un ribelle, un eroe romantico e solitario che fugge e combatte contro tutti per difendere la propria creatura.
Essendo molto affezionato a questo tema, che reputo intramontabile, mi è piaciuto rappresentarlo in un personaggio tutto mio, perché, essendo in sostanza io un sognatore, ho la tendenza a identificarmi nelle figure romantiche e cavalleresche

D: progetti per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

Valerio: In questo momento sto scrivendo un romanzo storico sentimentale a quattro mani con un'autrice romance.

Post popolari in questo blog

Intervista a Paola Garbarino

A cura di Liviana Carlucci



1. Chi è nella vita di tutti i giorni Paola ? 
2.Come è nato il tuo amore per la scrittura?
3. Hai un momento preferito della giornata in cui ti piace scrivere?
4. Sei uno scrittore di pancia o di testa? Scrivi di getto o rielabori i tuoi pensieri prima di metterli nero su bianco?
5. Quanto c'è di te nei tuoi personaggi?
6. Cosa pensi delle C.E. e del self publishing?
7. Come è il rapporto con i lettori?
8. Pensi che i social favoriscano il successo di un romanzo?
9. Cosa pensi delle critiche negative a un tuo lavoro?
10. Parlaci un po del tuo ultimo lavoro.
11. Progetto per il futuro: hai già un nuovo lavoro in cantiere?

12. La mia è una domanda alla Marzullo 🤣 riguardando indietro con gli anni fino ad oggi, del tuo percorso di scrittrice fatti una domanda e datti una risposta!



Ciao a tutti, grazie per il tempo che mi dedicate 😊
1)Paola nella vita normale è una mamma e una moglie. Fino a due anni fa ero un insegnante di Lettere, alle scuole medie, poi ho seguito …

5 cose che.... #3/ 5 libri che vorrei vedere sul grande schermo

Felice venerdì 😘 bentrovate al terzo appuntamento di questa rubrica ideata dal blog Twins Books Lovers, un'originalissima idea che mi ha appassionato tanto e spero anche a voi ❤
Oggi parleremo di

Ci sarebbero tantissimi libri meravigliosi che vorrei diventassero film di autrici self italiane soprattutto, veramente bravissime 😍 oggi vi presento quelli che mi sono rimasti nel cuore!

1 Questi tre romanzi sono della stessa autrice Naike Ror: credetemi è un genio!
Con Royle è stata bravissima a creare suspance, confusione e paura! Mi ha tenuto incollata dalla prima riga fino all'ultima! Leggetelo se potete non ve ne pentirete 😉


2 - 3 Usheen e 366
Usheen e 366 parlano degli agenti dell' IRA dove si trovano in situazioni e ideali che un tempo credevano fossero giuste. Ricorderete tutti suppongo chi a scuola chi con il telegiornale, la DOMENICA DI SANGUE dove ci fu uno scontro mortale nelle strade tra cattolici e protestanti. Purtroppo ancora oggi il clima che si respira è tesis…

5 cose che...#1: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Buongiorno Maddyne 🤗 finalmente il weekend! Oggi voglio presentarvi una nuova rubrica che ho trovato molto interessante e nello stesso tempo molto simpatica 😊 5 cose che.... ideata dal blog TwinsBooksLovers dove troverete il post di presentazione!
Oggi vi parlo dei

Questi 5 classici che vi presento li ho visti nella trasportazione cinematografica ma ahimè non li ho ancora letti 😱 spero di recuperare la lettura quanto prima anche perché li ho tutti e 5 nella mia libreria😉!

Cime Tempestose di Emily Brontë

Intriso di passioni turbinose come il vento del nord che spazza la brughiera e sibila intorno all'antica casa della famiglia Earnshaw, questa monumentale icona del romanzo europeo restituisce con insuperabile forza drammatica la tragedia di un'umanità sconfitta dalle proprie spietate costrinzioni.

Sogno di una notte di mezz'estate William Shakespeare

Due giovani innamorati in fuga e un gruppo di attori ingannati dagli incantesimi del re degli spiriti sono i protagonisti di …